RIAA invita i network P2P a collaborare come cittadini responsabili

La Recording Industry Association of America (RIAA) nella persona del suo CEO e presidente Mitch Bainwol, si è appellata ai gestori dei sistemi P2P affinché agiscano responsabilmente e si adoperino per prevenire e scoraggiare gli episodi di pirateria legati a questo tipo di network.
Inoltre lo stesso Bainwol ha dichiarato che RIAA intende inviare a coloro i quali fossero ritenuti colpevoli di violazioni di copyright una comunicazione scritta, allo scopo di raggiungere un accordo su base volontaria prima di adire le vie legali.
RIAA ha quindi suggerito agli operatori dei sistemi P2P di cambiare le impostazioni standard dei sistemi per impedire che i più giovani o i meno esperti, in modo inconsapevole, rendano disponibili i contenuti musicali presenti sui propri hard disk.
Ha suggerito altresì di indicare precisamente che l’illecito scambio di materiale protetto da copyright costituisce una violazione della legge federale e infine di porre dei filtri per bloccarne l’utilizzo illecito.
Alla controparte la parola.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.