Home » News » P2P » Accordo milionario tra LimeWire e le major discografiche

Accordo milionario tra LimeWire e le major discografiche

Le major discografiche hanno annunciato lo scorso giovedì di aver raggiunto un accordo stragiudiziale per 105 milioni di dollari con il servizio P2P LimeWire e il suo CEO Mark Gorton. La transazione segue una decisione del giudice della Corte Distrettuale Federale Kimba Wood dell’anno scorso sulla chiusura di LimeWire dopo che la Corte aveva sia il servizio che Gorton responsabili per induzione alla violazione del copyright. La settimana scorsa era iniziato a New York un processo con giuria per la determinazione del risarcimento dei danni a carico del CEO Gorton.
Di seguito è riportato un commento del presidente e CEO di RIAA, Mitch Bainwol:
“Siamo lieti di aver raggiunto un grande accordo economico a seguito dell’accertamento da parte della Corte della responsabilità sia di LimeWire che del suo fondatore Mark Gorton per violazione del copyright. Come la Corte ha sentito nelle ultime due settimane, LimeWire ha provocato danni enormi per la comunità musicale, contribuendo alla perdita di migliaia di posti di lavoro e alle minori opportunità per gli aspiranti artisti.
La transazione sottolinea la sentenza della Corte Suprema nel caso Grokster – la progettazione e gestione di servizi al fine di trarre profitto dal furto della migliore musica del mondo ha un prezzo. La risoluzione di questo caso è un’altra pietra miliare nella continua evoluzione della musica online verso un mercato legittimo che premia adeguatamente i creatori. Questa vittoria molto combattuta è la ragione per la celebrazione da parte della comunità intera di musica, i suoi fan e i servizi legali che rispettano le regole”.