RIAA offre una scappatoia

Recording Industry Association of America (RIAA) ha deciso di offrire una via di scampo alle migliaia di utenti accusati di avere violato la legge realizzando attività di file-sharing di materiale illegale e sotto la minaccia di pesanti azioni legali da parte della stessa.
L’associazione offre infatti la possibilità che vengano abbandonate le azioni legali in essere o in fieri a fronte della distruzione, da parte dei soggetti accusati delle violazioni, dei brani musicali illegalmente detenuti e dell’impegno pubblico a non porre in essere attività similari in futuro.
Secondo quanto sostiene Reuters la mossa avrebbe il compito di evitare a RIAA stessa il compito di dover agire capillarmente.
La possibilità agli utenti di avere una via di scampo “pulita” potrebbe convincere molti di essi ad abbandonare lo scambio di file illegali, sfruttando la possibilità di rientrare nell’ambito della legalità senza il rischio di azioni future.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.