Home » News » P2P » RIAA invia lettere di ‘cease and desist’

RIAA invia lettere di ‘cease and desist’

L’associazione dei discografici statunitensi, sulla scorta della ormai nota sentenza Grockster, ha deciso di inviare delle comunicazioni a sette delle maggiori aziende P2P.
Le missive non sono altro che lettere di ‘cease and desist’ con le quali RIAA intima alle aziende di ‘filtrare’ i contenuti illeciti scambiati dai propri utenti, o cessare le attività .
Il Wall Street Journal, tra le aziende coinvolte nell’azione dell’associazione, ha elencato LimeWire, BearShare and WinMX.
Il primo tra i suelencati siti, nel frattempo, ha deciso di mostrare tutto il proprio impegno inserendo un form, per coloro i quali scaricano il programma, nel quale chiede se intendono utilizzarlo per violare il copyright!

La redazione (Raimondo Bellantoni)

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.