KaZad, uno dei portali eredi di Napster, a rischio di chiusura

Il portale di file sharing musicale con sede ad Amsterdam KaZad, in seguito a una decisione dell’autorità giudiziaria, ha quattordici giorni di tempo per installare dei filtri in grado di prevenire operazioni di download per le opere protette da copyright.
Il sito potrebbe rischiare la chiusura in quanto è stato stabilito che, per ogni giorno di ritardo nella realizzazione della suddetta protezione, KaZad sarà costretto a versare 40.000 dollari.
La società ha dichiarato che il giudizio del magistrato è stato frettoloso, ed è stato emesso senza che vi fosse una reale conoscenza delle dotazioni tecnologiche del sito.
La speranza di KaZad è che la situazione possa risolversi anche in considerazione del fatto che, secondo quanto dichiarato dalla società , il sistema già adesso limita la distribuzione peer-to-peer solamente a una parte dei brani presenti nel sito.

La redazione ‘ Fonte:Europemedia

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.