Nuovo piano di azione della Commissione Europea contro la pirateria

La Commissione Europea ha presentato un pacchetto di misure allo scopo di aumentare la protezione contro la pirateria e la contraffazione.
Là¡szlà³ Kovà¡cs Commissario europeo per le il Fisco e le Dogane ha sottolineato come vi sia stato un notevole incremento dei sequestri di merce contraffatta alle frontiere interne alla UE (12% dal 2003 al 2004) e che tali merci oltre a generare un notevole danno dal punto di vista economico per l’intero sistema Europa, comportano in alcuni casi anche un grave rischio per la salute dei consumatori.
Il Commissario ha anche evidenziato come le merci vengano contraffatte in modo sempre più raffinato rendendo sempre più difficile l’individuazione dei prodotti non originali.
La commissione ha quindi predisposto un piano d’azione basato su alcune aree principali di intervento:
-creazione di un nuovo gruppo di lavoro con il compito di ridefinire la legislazione in materia di misure anticontraffazione per incrementare la protezione delle attività lecite;
-creazione di una Task Force di esperti in problematiche doganali allo scopo di migliorare i controlli alle frontiere;
-la compilazione di una guida per la gestione dei rischi legati alla contraffazione da distribuire agli stati membri e ai partner internazionali;
-la predisposizione di un nuovo e più sicuro sistema di trasmissione elettronica delle informazioni;
-la redazione di un ‘memoranda’ da inviare alle maggiori aziende del settore del commercio e dei trasporti allo scopo di creare una maggiore conoscenza e consapevolezza dei rischi connessi alla commercializzazione di beni contraffatti.
La Commissione suggerisce anche la possibilità che gli Stati si accordino per una modifica degli accordi TRIPS al fine di stabilire controlli anticontraffazione non solo relativi alle merci in entrata, ma anche per quelle in uscita e in semplice transito.
Per maggiori informazioni
http://europa.eu.int/comm/taxation_customs/customs/customs_controls/counterfeit_piracy/index_en.htm

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.