Microsoft sospende le azioni legali contro Russia e Ucraina

Il colosso di Redmond ha deciso di sospendere le cause intentate contro cyber cafè e computer club situati in Russia e in Ucraina.
Microsoft ha infatti concesso agli utilizzatori di materiale piratato di regolarizzare e legalizzare la propria posizione mediante l’acquisto di licenze originali entro la fine di agosto.
La pirateria gioca un ruolo di primo piano nei Paesi citati tanto da far supporre che i pirati controllino circa il 90% dei mercati russo e ucraino.
L’azione di Microsoft, a detta della stessa società , non deve essere interpretata come un “regalo” agli utenti, ma come una ulteriore motivazione per questi a rientrare in un ambito di legalità .

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.