iTunes Europe va già a gonfie vele

Nella sua prima settimana di attività in Europa iTunes ha già venduto più di 800.000 download di brani musicali. L’ha reso noto la Apple Computer nei giorni scorsi. Il mercato di riferimento del servizio della Mela è quello della Germania, del Regno Unito e della Francia (sul perché la iTunes sia attiva solo in questi tre stati si veda la precedente notizia, ‘In Europa ci si auspica una licenza unica’).
Metà degli incassi sono stati realizzati nel solo mercato del Regno Unito, dove ha di gran lunga superato le vendite di download di brani musicali messi a disposizione degli utenti da servizi rivali di iTunes presenti sul mercato da ben più tempo.
British record industry trade association (BPI) ha parlato di 500.000 brani musicali venduti dal collettivo dei rivali nei primi cinque mesi del 2004, mentre da Cupertino si fa sapere che le vendite sono state pari a 16 volte quelle di OD2 (On Demand Distribution), il più diretto antagonista di iTunes sul mercato.
Peraltro la iTunes ha aperto i suoi battenti digitali orfana di licenze per un gran numero di artisti per iquali al momento c’è grande richiesta sul mercato, gruppi quali i Basement Jaxx, i Franz Ferdinand ed i White Stripes, e questo perché la Association of Independent Music (AIM), che li rappresenta insieme ad altri 800 artisti musicali, non ha ritenuto di accettare i termini propostigli da iTunes per la distribuzione dei brani dei suoi artisti.

La redazione (Alessandro di Francia)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.