Chiesti 100 Ml di dollari al rapper Ice Cube accusato di violazione di copyright

Il famoso cantante rap e attore statunitense Ice Cube è stato citato in giudizio da un suo collega per una somma pari a 100 milioni di dollari.
James Davis sostiene infatti che il soggetto del film del rapper ‘Barbershop’ (un vero successo ai botteghini statunitensi), sia stato interamente preso da un elaborato che Davis afferma di avere scritto diversi anni prima che il film di Ice Cube fosse realizzato.
La causa è stata istruita presso la Corte Distrettuale dell’Alabama e oltre al rapper sono state citate in giudizio anche State Street Pictures, Cube’s Cube Vision Production gli autori e i produttori della pellicola.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.