Anche Jack Valenti testimonia al Senato

Jack Valenti, Chairman e CEO della Motion Picture Association, ha testimoniato di fronte alla Commissione del senato per gli affari esteri affermando che una delle attività più promettenti dal punto di vista delle esportazioni, il cinema, è messa in grave rischio dalla pirateria sia in formato digitale che analogico.
Valenti ha altresì affermato che l’industria legata al copyright contribuisce nella misura del 5% al PIL nazionale degli USA, raccogliendo anche una enorme quantità di risorse finanziarie nei mercati internazionali e contribuendo creazione di nuovi posti di lavoro (in quantità tre volte maggiore rispetto alle altre attività del Paese).
Il CEO di MPAA ha poi sottolineato come il settore cinematografico sia l’unico ad aver un surplus di esportazioni nei confronti di ogni altro Paese, pur dovendo sopportare delle perdite annuali pari a tre miliardi di dollari all’anno a causa della pirateria.
Pirateria che potrebbe portare a una profonda crisi se non venissero realizzate efficaci contromisure.
Valenti ha quindi prospettato tre linee di azione da parte di MPAA.
Primo: continuare ad agire in ambito legale, operando in modo diffuso e razionale.
Secondo: rintracciare sul Web tutti quei siti che offrono materiale piratato.
Terzo: cercare di giungere a uniformare gli standard tecnici e tecnologici per permettere di configurare mezzi di protezione dalla pirateria globali.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.