Operazioni contro la pirateria musicale in corso in tutta Italia

La Federazione contro la Pirateria Musicale esprime plauso e soddisfazione per i risultati ottenuti dalla Guardia di Finanza che ha portato a termine, in queste ore, diverse importanti operazioni contro la contraffazione musicale su tutto il territorio nazionale.

Le principali operazioni hanno avuto luogo in provincia di Napoli e Caserta e a Lodi. In Campania il Nucleo Provinciale di Polizia Tributaria di Napoli, coordinato dalla Dott.ssa Maria Cristina Ribera della locale Procura della Repubblica, a conclusione di un’importante indagine, ha localizzato e neutralizzato un’organizzazione delinquenziale, operante in provincia di Napoli e Caserta, dedita all’abusiva duplicazione di cd musicali.
L’operazione, denominata ‘Rippo-Rappo’, ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di materiale ed in particolare:
n. 3 centrali di duplicazione abusive completamente attrezzate e composte da 189 masterizzatori;
n. 8.247 cd musicali;
n. 4.244 cd vergini pronti per essere masterizzati;
n. 4.900 locandine;
n. 232 musicassette;
n. 878 cd per Play Station.
Le sei persone, responsabili della produzione illecita, sono state arrestate. Le centrali di riproduzione erano in grado di produrre quasi diecimila cd pirata al giorno.

Questo maxi sequestro si va ad aggiungere a quello di pochi giorni fa, realizzato dal Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata, che a Casalnuovo, ha condotto un’operazione con un bottino di oltre 20.000 cd musicali, per la maggior parte riguardanti gli ultimi successi di Sanremo, 40.000 locandine e oltre 6.000 cd per Play Station.

A Lodi, il Nucleo Provinciale della Polizia Tributaria, con un’articolata operazione ha sequestrato 2 complessi impianti di masterizzazione, oltre 5 mila compact disc e sofisticati impianti. 6 persone sono state denunciate.

Queste operazioni, confermano la pericolosità del fenomeno e la grande disponibilità finanziaria di organizzazioni in grado di distribuire centinaia di migliaia di prodotti contraffatti in tutta Italia.
In Italia, il fenomeno della pirateria musicale copre il 25 % del mercato con un fatturato illegale di oltre 150 miliardi gestito in particolare dal crimine organizzato. Dal settembre scorso l’Italia ha adottato una nuova normativa in materia di diritto d’autore che ha introdotto nuove e più elevate sanzioni e misure contro la contraffazione musicale con pene che possono arrivare fino a 4 anni di carcere, oltre a sanzioni amministrativa per centinaia di milioni.

Per maggiori informazioni Ufficio Stampa FPM 02 76021377
Da F.P.M. Federazione contro la Pirateria Musicale

La redazione – Fonte: FPM

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.