Operazione Cyberstorm: Ventisette arresti per pirateria

Dopo due anni di investigazioni le autorità federali e locali americane hanno comunicato di aver sgominato una organizzazione dedita alla pirateria che commercializzava software per computer contraffatti (Windows Office 2000, Photoshop, antivirus Symantec) del valore di centinaia di milioni di dollari.
Secondo quanto dichiarato dal direttore dell’FBI, Robert Mueller, Cyberstorm costituisce solo una delle numerose operazioni messe in atto per contrastare il fenomeno della pirateria, che arreca alle aziende del settore un danno pari a dodici miliardi di dollari all’anno.
L’operazione costituisce uno dei più grandi successi ottenuti in questi anni e ha portato all’arresto di 27 persone, principalmente nell’area di San Josè, accusate di violazione di copyright, contraffazione, riciclaggio di denaro, accuse per le quali rischiano da un minimo di cinque a un massimo di venti anni di prigione.
Le copie contraffatte apparentemente realizzate in Asia, erano vendute a prezzi molto scontati attraverso Internet e tramite negozi siti in tutto il mondo, connessi con la rete criminale.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.