Home » News » Antipirateria » I sequestri di CD alle frontiere sono diminuiti del 70%

I sequestri di CD alle frontiere sono diminuiti del 70%

Secondo quanto riportato nelle ultime statistiche diffuse dalle autorità doganali della Comunità Europea, i sequestri di videocassette CD DVD pirata sono diminuiti nel corso del 2002 del 70% rispetto all’anno precedente (passando da 40 a 12 milioni di pezzi sequestrati), ma l’entertainment rimane al secondo posto nella lista dei prodotti contraffatti.
Secondo quanto riportato dalla UE è da addebitarsi sia allo spostamento della attività di traffico in ambito virtuale attraverso la Rete sia ai maggiori controlli doganali in merito al traffico di CD vergini.
Dal punto di vista economico il rapporto enuncia anche la convenienza della commercializzazione di CD contraffatti rispetto allo spaccio di sostanze stupefacenti: un chilo di cannabis genera in Europa un flusso di denaro attorno ai 2.000 Euro mentre la stessa quantità , in termini di peso, di CD pirata ha un valore attorno ai 3.000 Euro.

La redazione (Raimondo Bellantoni)

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.