Microsoft paga Lindows: caso chiuso

Microsoft avrebbe posto fine alla lunga causa tuttora in atto contro Lindows lunedì scorso con una transazione che prevede che la prima paghi alla seconda $20 milioni.
In cambio, Lindows ‘ che di recente ha rinominato i propri prodotti venduti sul mercato europeo “Linspire” in seguito ad una causa intentatagli sempre dalla Microsoft ‘ rinuncerà per sempre al nome “Lindows”, e cederà tutti i propri domini web alla stessa Microsoft.
Michael Robertson, CEO Lindows, ha dichiarato: “siamo felici di aver risolto questa disputa in un modo che rende giustizia in termini commerciali a tutte e due le parti.”
Tom Burt, vice presidente della Microsoft, ha dal canto suo fatto sapere che “siamo contenti che ora Lindows competa sul mercato con un proprio nome distinto dal nostro.”
Termina così una causa iniziata più di due anni fa e che ha coinvolto i sistemi giudiziari di due continenti; va detto che di fatto solo in Europa la Microsoft ha visto una qualche vittoria in merito. Negli Stati Uniti d’America invece la causa per violazione di marchio intentata dalla casa di Bill Gates ha visto la Corte rifiutarsi di imporre un’ingiunzione su Lindows e pronunciarsi in favore della stessa in svariate altre questioni.
Ora entro il 14 settembre qualunque riferimento a “Lindows” sparirà dal mercato e dalla rete.

La redazione (Alessandro di Francia)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.