Apple sigla un accordo con le etichette indipendenti dello U.K.

La Apple Computers Inc. ha reso noto lo scorso mercoledì di aver raggiunto un accordo per la licenza di brani i cui diritti fanno capo a tre fra le più importanti “indie labels” (le etichette indipendenti) del Regno Unito, di fatto ponendo termine ad una impasse che si stava protraendo già da qualche tempo a discapito degli utenti del servizio iTunes Europe, cui le stesse indie non avevano accettato di cedere i diritti su di un vasto catalogo di canzoni.
Le tre etichette indipendenti in questione sono la Beggars Group, la Sanctuary Records Group e la V2; d’ora in poi dunque gli utenti britannici, francesi e tedeschi del servizio di download a pagamento della Apple potranno scaricarsi brani di artisti quali ‘ tra gli altri ‘ i Pixies, i White Stripes e Morrissey.
E Steve Jobs, Chief Executive Officer della Apple, conta di giungere presto ad un simile accordo con molte altre indie labels contando proprio su questa mossa a sorpresa.
Le trattative con le etichette indipendenti britanniche menzionate erano infatti saltate pochi giorni prima del lancio del servizio iTunes Europe avvenuto solo pochi mesi fa, a causa di divergenze tra le parti in materia economica.
Ma ora la AIM ‘ la Association of Independent Music, il gruppo che raccoglie le varie indie labels britanniche ‘ ha accettato di stringere un accordo con il servizio di download a pagamento; recenti trattative le hanno infatti assicurato un migliore trattamento economico attraverso più eque royaties sui brani concessi in licenza alla mela di Cupertino.

La redazione (Alessandro di Francia)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.