Dell citata in giudizio per violazione di brevetto

Sei detentori di brevetti per la trasmissione di video in formato compresso hanno citato in giudizio Dell Computer per aver utilizzato tale tecnologia sulle proprie macchine senza l’ottenimento della necessaria licenza.
Gli attori, che detengono una combinazione di 44 brevetti relativi alla suddetta tecnologia, sono France Telecom, Mitsubishi Electric, Scientific-Atlanta, Sony, U.S. Philips e Victor Co. of Japan, come riportato dagli atti depositate presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti dello Stato del Delaware.
Le sei compagnie citate, insieme alla Università di Columbia e alla Città di New York, detengono i diritti relativi “a diversi brevetti essenziali per la realizzazione della compressione video standard nota come MPEG-2”, che secondo i documenti raccoglie 380 brevetti.
Secondo quanto sostenuto nella citazione, il materiale promozionale delle macchine realizzate da Dell sottolinea i vantaggi per i computer recati dalla presenza di DVD dalla compatibilità con lo standard MPEG-2 e dalla possibilità decodificare e vedere i film in formato DVD.
Secondo quanto affermato nel documento inoltre Dell, a fronte della presenza di DVD e di software MPEG-2, aumenta il costo dei computer di 300 dollari mentre l’aumento si attesta attorno a diverse centinaia di dollari nel caso in cui le macchine siano munite di caratteristiche opzionali che le rendano in grado di essere utilizzate per creare o sottoporre a editing le immagini, sempre utilizzando la tecnologia MPEG-2.

La redazione – Fonte: CNET

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.