Hudson Soft. e JVC elaborano una nuova forma di protezione anticopia

Hdson e JVC hanno collaborato allo scopo di elaborare una più efficace forma di protezione anticopia, chiamata “Root”.
Anche in questo caso si tratta dell’inserimento di un codice crittografico all’interno del supporto all’atto della stampa dello stesso, codice che risulta non copiabile al momento dell’effettuazione della masterizzazione. La mancata presenza di tale codice sulla copia genera un errore di lettura e la conseguente impossibilità di utilizzarla.
La chiave crittografica non è leggibile al momento della riproduzione dei contenuti e quindi, virtualmente, è al riparo dai tentativi di violazione.
Inoltre il posizionamento della chiave è generato casualmente per ogni copia, rendendone ancora più difficile l’individuazione.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.