Appello contro la pirateria digitale

Jack Valenti, presidente e capo esecutivo della Motion Picture Association, ha pronunciato un appassionato discorso introduttivo al DVD Enterntainment 2002 Trade Forum di Monaco sulla necessità di proteggere le opere in formato digitale.
Nonostante le grandi potenzialità che riconosce a Internet come mezzo di distribuzione, Valenti ritiene che ci sia bisogno di attenzione nei confronti del modo in cui le opere digitali vengono e verranno protette dai vari Paesi.
La convinzione che ciò che si trova sulla Rete debba essere gratuito per tutti capovolge una delle basi del contratto sociale, e cioè che non possiamo prendere ciò che non è nostro senza il consenso del proprietario.
E’ ormai elevatissima la quantità di opere in formato digitale scaricate illegalmente dalla Rete e diffusa la linea di pensiero che ritiene sia sciocco pagare per qualcosa che si riesce a scaricare gratuitamente. Secondo Valenti è necessario che scrittori, produttori, attori, studi cinematografici e tutti gli altri componenti delle comunità creative legate al mondo del cinema si coalizzino e concentrino i propri sforzi al fine di risolvere il problema della protezione del copyright.
Per risolvere tale problema, Valenti avanza principalmente due proposte: la costituzione di un’alleanza globale con il compito di proteggere opere intellettuali nel mondo digitale e la progettazione, da parte di privati ma anche dei governi, di strumenti tecnologici specifici per contrastare la pirateria.

Daniela Torrisi

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.