Home » News » Mondo » Il Governo greco viola la normativa sulla libera concorrenza nella gestione collettiva dei diritti d’autore: la denuncia dell’ECSA
Ecsa e la denuncia contro il governo Greco
Ecsa e la denuncia contro il governo Greco

Il Governo greco viola la normativa sulla libera concorrenza nella gestione collettiva dei diritti d’autore: la denuncia dell’ECSA

 

IL COMUNICATO STAMPA

Il 23 aprile 2019, l’ECSA (European Composer and Songwriter Alliance) ha reso noto con un comunicato stampa di avere denunciato alla Commissione Europea un’interferenza illegale nel mercato dei diritti musicali da parte del Governo della Grecia.

L’ECSA agisce a livello nazionale e sovranazionale in favore degli autori di musica, adoperandosi per la promozione e l’ottenimento di condizioni economiche eque per i creativi del settore.

Nel caso di specie, intervenendo in solidarietà dei colleghi creativi greci, ha denunciato la violazione da parte del Governo greco delle regole che disciplinano la libertà di scelta dell’ente di gestione collettiva dei diritti d’autore e diritti connessi, sancita dalla normativa europea e dalla legge nazionale, altresì contravvenendo al divieto di aiuti di Stato.

LA VICENDA

A seguito di uno scandalo che ha coinvolto una locale società di gestione collettiva (AEPI), il Governo greco infatti ha deciso di assumere il controllo della gestione dei diritti musicali, costituendo in seno all’organismo di vigilanza locale delle collecting musicali (HCO) una apposita divisione interna.

In tal modo, tuttavia, oltre ad avere represso ogni concorrenza nell’amministrazione dei diritti d’autore e diritti connessi (nella specie si era fatta spazio un’altra società indipendente Autodia, che aveva già stipulato una serie di accordi a livello internazionale), ha dato luogo ad un assurdo conflitto di interessi, tale per cui chi è coinvolto nella gestione è anche soggetto che invece sarebbe solo tenuto a vigilare, oltre ad avere investito milioni di euro in fondi statali a beneficio della nuova divisione, contravvenendo alla normativa dell’UE sui finanziamenti delle imprese statali.

Il tutto a discapito degli autori di musica e non solo a livello locale, considerando che l’indebita interferenza nel mercato del Governo greco può avere l’effetto di impedire che i compensi raggiungano i legittimi aventi diritto in tutto il mondo.

Per leggere il comunicato stampa: http://composeralliance.org/europes-songwriters-and-composers-act-in-solidarity-with-their-greek-creator-colleagues/

#societadigestionecollettiva #dirittidautore #diritticonnessi #governogreco #liberaconcorrenza

About Giorgia Crimi

Avvocato, opera nel settore musica e media, collabora con lo Studio legale d'Ammassa & Partners. Legal coach per artisti, cantante jazz, compositrice e autrice musicale.