Nuovi scenari in Australia

La Australian Mechanical Copyright Owners Society (AMCOS) ha deciso di permettere a una azienda di Adelaide di impiantare e rendere operativi dei chioschi per la replicazione dei CD a fronte del pagamento di una modesta quota di royalty.
I chioschi, funzionanti a gettone, potrebbero essere posti presso centri commerciali, supermercati, negozi di dischi a partire da Settembre. Ogni CD riprodotto dovrebbe costare 5 dollari.
L’avallo di AMCOS, che rappresenta gli autori e gli editori, potrebbe costituire un precedente importantissimo a livello mondiale e indica, secondo gli osservatori, l’impossibilità per l’industria di fermare il fenomeno della pirateria.
Il servizio dovrebbe garantire una qualità superiore rispetto ai masterizzatori casalinghi e la possibilità di aggirare qualsiasi forma di protezione.
In una lettera confidenziale inviata alla azienda di replicazione dei CD Little Ripper, AMCOS ha detto di essere intenzionata ad avallare l’iniziativa a fronte del pagamento di una royalty pari al 6%.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.