Modifica Legge Urbani: Cortiana denuncia i ritardi

Il senatore Fiorello Cortiana ha denunciato, con una dichiarazione data alla stampa l’altro ieri, il ritardo con cui procedono i lavori di revisione della legge 128/04, meglio conosciuta come Legge Urbani. Il disegno di legge, numerato S 2980, è stato nuovamente assegnato alla 7a Commissione Senato (Istruzione pubblica, beni culturali) in sede deliberante in data 20 luglio scorso.
Riportiamo la dichiarazione del Senatore Cortiana
“Il sequestro di siti di scambio di file musicali non commerciabili è oggi possibile grazie alla Legge Urbani. Una legge sbagliata nel metodo e nel merito e che lo stesso Ministro si era impegnato a modificare nel più breve tempo possibile.
In particolare, il Ministro e la maggioranza erano d’accordo a cambiare la formulazione della Legge nella parte relativa al carcere per chi scarica un file MP3 o un film dalla rete; sulla necessità linguistica di tornare alla locuzione originaria per fini di lucro, sostituendo l’attuale, per trarne profitto; sulla parte relativa al bollino SIAE, che bloccherebbe, di fatto, internet in Italia, e, infine, la tassa sui cd, masterizzatori e software, che soffocherebbe il mercato dell’ICT.
Il Governo aveva accolto quattro Ordini del giorno, presentati dall’opposizione, e aveva convinto i Verdi a ritirare i 750 emendamenti, impegnandosi ad inserire in un apposito provvedimento i punti da modificare. Almeno questo era il senso dell’accordo raggiunto tra maggioranza e opposizione. Ora non può ora far finta di nulla.
Ma, ancora oggi, a una settimana dalla chiusura dei lavori parlamentari, è tutto fermo perché la commissione Bilancio non dà il proprio parere obbligatorio al DL Urbani. Questa, di fatto, è l’ennesima dimostrazione di una subordinazione agli interessi miopi e antiquati delle major cinematografiche e musicali. Vorrei nuovamente appellarmi al Ministro Urbani affinché sia coerente con gli impegni presi in Parlamento”.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.