Elezioni S.I.A.E.: domenica, andate a votare!

Molti autori, indipendentemente dal loro effettivo valore, sono costretti a vivere una doppia vita, in ambito lavorativo, a causa dell’impossibilità di poter trarre dalla propria attività di creazione intellettuale il ritorno economico bastante a condurre una vita dignitosa.
Ecco allora la ricerca di attività alternative più remunerative che inevitabilmente sottraggono tempo, energie, da dedicare alla attività di creazione e inficiano spesso anche la qualità dei lavori.
Tra le cause che determinano una siffatta situazione vi è stata, e tuttora vi è, lo scarso peso che nella SIAE rivestono autori ed editori di piccole dimensioni, interpreti ed esecutori che non hanno mai esercitato il proprio diritto di decidere dividendo il marginale impegno profuso in una miriade di sigle e associazioni spesso segnate da accesa rivalità e non contraddistinte dalla ricerca di un obiettivo comune, da una comune linea di azione. Le decisioni sono quindi sempre state prese da soggetti impegnati maggiormente a tutelare interessi particolari e non a proteggere quelli degli aventi diritto.
Le elezioni di domenica 8 giugno costituiscono la reale possibilità di poter accedere alle “stanze dei bottoni” e finalmente decidere del proprio destino o perlomeno cercare di farlo attivamente combattendo per i propri diritti.
Il voto è la sola arma a disposizione per cercare di mutare le cose ed è importante che tutti lo esprimano. Perciò… votate!

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.