Home » Tag Archives: licenze

Tag Archives: licenze

Carlo Scollo Lavizzari, René Viljoen (a cura di), Cross-Border Copyright Licensing: Law and Practice (Inglese)

Cross-Border Copyright Licensing: Law and Practice

Nell’ambiente legale di oggi, le licenze di copyright richiedono una prospettiva internazionale.
I licenzianti nei mercati emergenti e sviluppati devono avere una comprensione dettagliata delle pratiche transfrontaliere. Il testo offre una guida selettiva alle pratiche di licenza d’autore in un certo numero di giurisdizioni, affrontando questioni chiave sull’agomento.

Le questioni principali affrontate:

  • analisi capitolo per capitolo della legislazione sulle licenze nelle giurisdizioni più frequenti, tra cui: Cina, UE, India, Messico, Russia, Singapore, Sud Africa e Stati Uniti;
  • discussione dell’interazione tra diritto d’autore e diritto della concorrenza;
  • chiara delineazione delle questioni legali più rilevanti e critiche, relative alle pratiche di licenza in tutte le giurisdizioni menzionate;
  • contributi di professionisti esperti, con preziosa conoscenza di prima mano delle pratiche di licenza internazionale..

Una risorsa preziosa per gli avvocati che stanno implementando o applicando un regime di licenze di copyright transfrontaliere. Gli studiosi di proprietà intellettuale troveranno il testo come una utile guida sui regolamenti e le pratiche internazionali.

Dettagli prodotto
Copertina rigida: 420 pagine
Editore: Edward Elgar Pub (29 giugno 2018)
Collana: Elgar Intellectual Property Law and Practice
Lingua: Inglese
ISBN-10: 9781784718503
ISBN-13: 978-1784718503
ASIN: 1784718505
Peso di spedizione: 880 g

Pubblicato il Collecting Societies Handbook 2014

L’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI), in collaborazione con Baker & McKenzie, ha pubblicato il Collecting Societies Handbook (2014), una guida online sulle licenze collettive di diritto d’autore di tutto il mondo.

La guida online fornisce informazioni su:

– i tribunali e gli altri organi specializzati competenti sulle licenze e la risoluzione delle controversie in materia di diritto d’autore;
– i diritti coperti dalle società di gestione collettiva chiave riguardo l’audio e l’audiovisivo, o dalle organizzazioni di gestione collettiva e le tipologie di licenze che offrono;
– i compensi per le licenza, ove disponibili;
– i contatti delle varie organizzazioni, e, in alcuni ordinamenti, i legali esperti in materia di diritto d’autore.

Per consultare la guida online:
http://www.collectingsocietieshb.com/

Alluvione Genova: la Siae sospende i pagamenti

In segno di solidarietà con la città di Genova, drammaticamente colpita dall’alluvione che ha devastato il tessuto urbano e colpito le attività commerciali, la Siae ha disposto la sospensione dei termini di pagamento del diritto d’autore per gli esercenti e gli organizzatori di attività di spettacolo operanti nell’area interessata dal disastro. Saranno inoltre autorizzati i rimborsi dei diritti d’autore corrisposti anticipatamente o in abbonamento per tutte le attività interrotte a causa dell’alluvione.

Lo ha annunciato il Presidente della Siae Gino Paoli, che ha espresso inoltre la disponibilità della Società a intraprendere ogni iniziativa utile per offrire sostegno alla popolazione di Genova.

Armonia si accorda con Bmat per una piattaforma digitale europea

Dopo il successo dell’attività di licenze digitali, Armonia ha firmato un accordo con BMAT per lanciare una piattaforma digitale che consentirà di consolidare l’attività di portale unico europeo per i servizi online.

Armonia persegue obiettivi chiari e realizzabili nel breve termine al fine di individuare nuove soluzioni per migliorare la gestione delle utilizzazioni online. Già a partire dal settembre 2014, la piattaforma digitale Armonia sarà accessibile dai DSP attraverso un unico punto di contatto; grazie alla collaborazione con Bmat sarà possibile avvalersi di strumenti idonei a perfezionare il processo di gestione dei report, migliorando il livello di identificazione dei repertori e velocizzando i tempi di trattamento dei dati.

Si tratta di un primo importante passo, a vantaggio degli aventi diritto e del mercato, in un percorso di continua evoluzione che vede le società Armonia protagoniste di una ricerca costante di soluzioni concrete di immediata realizzazione. Concepita come un aggregatore tecnologico, la piattaforma digitale giocherà infatti un ruolo fondamentale nell’identificare iniziative emergenti a livello mondiale che possano portare ad un ulteriore miglioramento del funzionamento di Armonia. Nel 2015 la collaborazione con Bmat porterà all’attuazione di ulteriori sistemi innovativi per facilitare le attività di identificazione, valorizzazione e rivendicazione delle opere delle singole Società.

“La gestione dell’online richiede ormai delle conoscenze molto specifiche, oltre che la disponibilità di notevoli risorse tecniche e non – ha dichiarato Antonio Jimenez, CIO di SGAE – Per questo è necessario individuare soluzioni innovative basate sulla collaborazione. Crediamo fortemente che la partnership con BMAT sia la scelta giusta per il futuro”.

“In BMAT riconosciamo la musica da televisione, radio e pubblici esercizi per conto di oltre 40 Società in tutto il mondo – ha affermato Alex Loscos, CEO di BMAT – Riteniamo che espandere il nostro servizio al mercato digitale fosse il passo logico successivo. Siamo davvero orgogliosi di poterlo fare insieme ad Armonia, un partner con cui condividiamo l’obiettivo di ottenere una ripartizione agli aventi diritto che sia sempre più trasparente, efficiente ed accurata.

Fonte: www.siae.it

 

Armonia: al via un sistema di servizi comuni per il mercato on-line

Le società fondatrici di Armonia SIAE (Italia), SGAE (Spagna) e SACEM (Francia) insieme ai nuovi membri ARTISJUS (Ungheria) e SABAM (Belgio), hanno creato nel 2013 il primo hub pan-europeo per le licenze di Servizi online. In questi primi mesi sono stati firmati una serie di accordi, tra i quali Beatport, Google, Deezer e YouTube per l’utilizzo dei loro repertori e di quelli per i quali hanno ricevuto mandato da UMPI, SONY ATV Latino e SPA.

Per valorizzare ulteriormente la loro documentazione nonché gli strumenti di fatturazione, Armonia sta cercando soluzioni per affrontare le sfide derivanti dal mercato online attraverso un approccio comune e globale. I primi servizi dovrebbero entrare in funzione già a Settembre 2014.

Queste soluzioni comuni mirano a migliorare la velocità di elaborazione dei report di vendita e a semplificare i rapporti con DSP attraverso la creazione di uno sportello unico per i report dei DSP e la condivisione di attività comuni di analisi e validazione dei report di vendita.

L’obiettivo principale è quello di migliorare l’identificazione delle opere musicali, arricchendo i metadati e di rivendicare più accuratamente i diritti degli autori.

Per elaborare ed implementare queste soluzioni, Armonia ha deciso di affidarsi a partner tecnologici, esperti nella elaborazione dei dati e in tecnologie innovative, capaci di adattarsi ai rapidi cambiamenti del mercato online. A gennaio si è dunque aperta una gara che coinvolge 9 società. La selezione avverrà entro la primavera.

Fonte: www.siae.it

 

IPR Helpdesk: la gestione del diritto d’autore e le licenze Creative Commons nel 7 Programma Quadro UE

European IPR Helpdesk ha pubblicato un nuovo Case Study dedicato alla gestione del diritto d’autore e le licenze Creative Commons nel 7 Programma Quadro UE.

IPR Helpdesk conferma che l’iniziativa di Creative Commons non è incompatibile con il diritto d’autore anzi, al contrario, si basa sulle norme del copyright, in quanto permette la concessione in licenza delle opere tutelate a terzi interessati a utilizzarle.

IPR-Helpdesk è un ente gestito dall’Agenzia esecutiva della Commissione europea per la competitività e l’innovazione (EACI), con orientamenti politici forniti dalla Direzione generale della Commissione europea Enterprise & Industry.

Copyright management and Creative Commons in FP7

Licenze Creative Commons Versione 4.0, la nuova generazione

Creative Commons presenta le licenze 4.0, la cui realizzazione ha richiesto più di due anni.
Secondo l’associazione, sono le licenze più globali e legalmente robuste prodotte sino a oggi, e sono particolarmente adatte per essere utilizzate dai governi e da altri soggetti interessati a pubblicare informazioni provenienti dal settore pubblico, o banche di dati, in modo particolare per gli enti dei paesi appartenenti all’Unione Europea. Questo perché il raggio di azione delle licenze è stato allargato, tanto che ora includono il diritto “sui generis” sulle banche di dati.
Tra le altre nuove caratteristiche troviamo una maggiore leggibilità e organizzazione del testo, un’attribuzione “di buon senso”, e un nuovo meccanismo che permette a chi violi inavvertitamente la licenza di riguadagnare automaticamente i propri diritti se la violazione è sanata in modo tempestivo.
Il processo di creazione della versione 4.0 ha coinvolto molti appassionati membri della rete di esperti di diritto e di licenze pubbliche, e l’attiva open community.
Attualmente Creative Commons si sta dedicando alle traduzioni ufficiali del codice legale (NdFM, ovvero il testo giuridicamente vincolante della licenza), in collaborazione con la propria rete di affiliati e la comunità. Le traduzioni (NdFM, i deed, i testi semplificati e comprensibili a chiunque) sono in corso e molte sono già state completate.
La versione italiana sarà online a breve.
www.creativecommons.it/