La Siae ospite alla Sharjah International Book Fair

Per promuovere la cultura e l’editoria italiana nel Medio Oriente, la Siae patrocina l’Italian Collective Stand alla Sharjah International Book Fair, che si è inaugurata ieri 6 novembre negli Emirati Arabi, dove sarà presente per la prima volta uno stand collettivo nazionale degli editori italiani.
Giunta alla trentaduesima edizione, la più importante rassegna editoriale del mondo arabo offre l’opportunità di interscambio dei diritti di edizione, di sviluppo di progetti di co-edizione e la possibilità di conoscere le tendenze dei prodotti editoriali di recente distribuzione su scala mondiale.
Con oltre mille espositori, cinquantatrè Paesi partecipanti, di cui ventitré arabi, ventimila libri esposti e più di quattrocentomila titoli, è la quarta fiera di settore per grandezza a livello mondiale.
L’Italian Collective Stand vuole essere un punto di riferimento per tutti coloro che desiderano farsi conoscere in un mercato ad elevato potenziale come quello arabo, sia per la sempre maggiore apertura verso la cultura degli altri Paesi che dal punto di vista economico. Lo stand, al quale partecipano importanti editori italiani, si propone come uno “spazio Italia” non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per tutti gli amanti dei libri.
Fonte: www.siae.it

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.
Precedente Confcommercio: con la crisi si acquistano più prodotti e servizi illegali
Prossimo Direttiva sulla gestione collettiva del diritto d’autore: Parlamento e Consiglio trovano un accordo
Exit mobile version