Tribunale Milano: le royalties degli artisti non sono assoggettabili alla contribuzione Enpals

Con sentenza n. 2180/2011 depositata in Cancelleria il 13 giugno scorso, nella causa promossa dalla ricorrente Universal Music Italia Srl (con gli Avvocati Gianpietro Quiriconi, Giorgio Mondini e Fabio Ghiretti), contro l’ENPALS (con gli Avvocati Pietro L. Prever e Rossana Cardano) e contro Equitalia Esatri SpA (con l’Avv. Andrea Romano), il Tribunale di Milano, Sezione Lavoro, ha ritenuto che le royalties pagate agli artisti/interpreti/esecutori per le vendite dei fonogrammi realizzati con la loro interpretazione, non costituiscono retribuzione lavorativa differita e quindi non sono assoggettabili alla contribuzione assistenziale e previdenziale, posto che tali royalties debbono intendersi corrispettivo della cessione di diritti connessi al diritto d’autore.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

Controlla anche

Corte Costituzionale: legittimo il ricorso alla decretazione d’urgenza per disciplinare l’intermediazione del diritto d’autore

Il ricorso alla decretazione d’urgenza per disciplinare l’intermediazione del diritto d’autore anche in favore di organismi di gestione collettiva diversi dalla SIAE era sorretto da adeguate ragioni di necessità e urgenza.