Tribunale Firenze: inibita la prosecuzione dell’attività a società che rivendeva programmi televisivi Rai

La Rai Radio televisione italiana Spa ha ottenuto una prima vittoria consistente nell’accertamento della condotta illegittima della Ricky Records srl, società con sede a Firenze attiva nella riproduzione, messa a disposizione, distribuzione on line e off line a titolo oneroso di trasmissioni televisive.
Il caso verteva sull’accusa di svolgimento non autorizzato, da parte della Ricky Records, di attività di vendita al pubblico di videoregistrazioni di programmi televisivi Rai ordinati dai clienti con indicazione e prenotazione delle trasmissioni a determinate date e orari sul formato desiderato.
Il Tribunale di Firenze, a seguito del ricorso cautelare depositato dalla Rai, ha accertato l’illegittimità della condotta della Ricky Records srl, la cui attività è stata giudicata lesiva dei diritti esclusivi dell’emittente Rai, ritenuti “inesauribili” nel territorio della Comunità europea anche dopo un passaggio televisivo, secondo quanto disposto dall’art. 79 della Legge sul diritto d’autore relativo all’emissione radiofonica e televisiva.
E’ stato pertanto autorizzato il sequestro degli hardware e software costituenti il supporto di videoregistrazioni dei programmi emessi dalla Rai rinvenuti in ambienti e locali della Ricky Records srl. Il Tribunale ha altresì inibito la prosecuzione dell’attività della Ricky Records, fissando una penale di mille euro per ogni singola ulteriore violazione dei diritti di privativa della Rai che dovesse essere commessa.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.