Home » News » Sentenze » Tribunale di Roma: Yahoo responsabile per violazione di diritti d’autore

Tribunale di Roma: Yahoo responsabile per violazione di diritti d’autore

La Nona Sezione del Tribunale di Roma “inibisce a Yahoo! la prosecuzione e la ripetizione della violazione dei diritti di sfruttamento economico sul film About Elly mediante il collegamento a mezzo dell’omonimo motore di ricerca ai siti riproducenti in tutto o in parte l’opera, diversi dal sito ufficiale del film”.
Una sentenza “che non ha precedenti in nessun paese del mondo”.
Il punto fondamentale nella vicenda giudiziaria che ha contrapposto Open Gate Italia a Yahoo! e’ “la responsabilita’ di un motore di ricerca nel rendere disponibile l’accesso ai siti che immettono in rete film piratati, sprovvisti di ogni tipo di autorizzazione da parte dei detentori dei diritti”.
Il Tribunale di Roma ha riconosciuto “la imputabilita’ alla parte resistente Yahoo!, unica legittimata nel procedimento nella qualita’ di provider gestore del servizio Web Search, della responsabilita’ per contributory infringement per l’attivita’ di gestione del motore di ricerca nella misura in cui questi effettuano, attraverso specifici links, il collegamento a siti pirata, che permettono la visione in streaming o il downloading e peer to peer del film About Elly senza autorizzazione da parte del titolare dei diritti di sfruttamento economico sull’opera e quindi in lesione del diritto patrimoniale di autore”.
“Dieci milioni e trecento mila – sottolinea Open Gate – sono i risultati se si digita su Yahoo! il titolo del film ‘About Elly’. Siti di vario tipo attraverso i quali e’ possibile scaricare il film che ha vinto il Leone d’Argento a Berlino due anni fa. Solo digitando la parola ‘about’, il film About Elly e’ la seconda opzione. Una diffusione massiva che ha provocato la reazione di Open Gate Italia, la societa’ che da anni segue le controversie legate alla pirateria online, a tutela del diritto d’autore, per conto dei produttori cinematografici e che, nel caso specifico, ha portato avanti la controversia”.
Fonte: Adnkronos