Tribunale di Roma: provvedimento d’urgenza contro Mediaset per bloccare il programma Baila’

Primo round a Milly Carlucci e alla Rai in difesa di ‘Ballando con le stelle’, nella causa intentata contro il programma ‘Baila!’ su Canale 5 e in onda, forse, da questa sera.
Il giudice del Tribunale civile di Roma, Gabriella Muscolo, ha depositato ieri mattina la propria decisione sentenziando che ‘Baila!’, affidato a Barbara D’Urso, copia il programma di Rai1.
Nel ricorso presentato da Milly Carlucci, attraverso l’avvocato Giorgio Assumma, veniva sottolineato che il programma di Canale 5 era pressoche’ simile a quello che da anni va in onda sulla rete ammiraglia Rai per altro con ottime performance di ascolti.
La singolarita’ della causa civile e’ rappresentata dal fatto che il programma di Canale 5 non era ancora andato in onda al momento del deposito del ricorso, e quindi l’attrice si e’ basata solo su elementi legati al sentito dire o a notizie comunque non verificate attraverso la messa in onda. E non a caso nei mesi scorsi Mediaset aveva replicato che il legale della Carlucci avesse presentato in aula documentazione su una trasmissione che non era ancora andata in onda. Mediaset aveva respinto ogni accusa di plagio, dicendosi certa delle sue ragioni. Il giudice ha valutato invece diversamente, dando ragione a Milly Carlucci, e alla Rai che si e’ associata alla posizione della conduttrice.
Per l’avvocato Giorgio Assumma si tratta di una “decisione storica perche’ servira’ a mettere ordine nel settore della concorrenza televisiva, dove spesso si verificano casi di concomitante messa in onda, da parte di emittenti diverse, di programmi simili se non addirittura identici”.
Per il legale della Carlucci la decisione “sotto il profilo giuridico e’ a mio avviso tecnicamente corretta in quanto applica il principio della legge sul diritto d’autore, poco conosciuto e percio’ poco adottato, secondo cui ben puo’ essere inibita da un giudice la diffusione di un programma prima della sua messa in onda quando nel frattempo emergono all’esterno della relazione elementi che ne provano la illecita’ sotto il profilo della tutela della paternita’ intellettuale”.
Quanto all’eventualita’ che comunque ‘Baila’ vada ugualmente in onda su Canale 5, l’avvocato Assumma si limita a un “stiamo esaminando i passi da compiere nel caso sia cosi'”.
Fonte: AGI

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.