Tribunale di Roma: ordinanza a favore di RTI contro Youtube e Google per i video del “Grande Fratello”

Il Tribunale di Roma nell’ambito di un procedimento cautelare intrapreso da RTI ha ordinato, con ordinanza del 16 dicembre scorso, a Youtube e a Google di rimuovere le sequenze di immagini in movimento tratte dalla trasmissione “Grande Fratello”, in onda su Canale 5.
Il Tribunale, interpretando le norme contenute del D.Lgs. 70/2003, ha ritenuto responsabili i due provider in quanto entrambi si sono dotati di regole per intervenire sui contenuti, impedendo la diffusione di immagini e video pedopornografici, e prevedendo “l’accettazione dell’utente di ogni aggiornamento deciso da YouTube, il diritto di controllare i contributi, l’assoluta discrezionalità nell’interrompere in maniera temporanea o permanente la fornitura del servizio”. La responsabilità è stata individuata in quanto il provider pur “consapevole della presenza di materiale sospetto si astenga dall’accertarne la illiceità e dal rimuoverlo”.
Il testo dell’ordinanza sarà a breve disponibile nella nostra Banca Dati Sentenze.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

Controlla anche

Corte Costituzionale: legittimo il ricorso alla decretazione d’urgenza per disciplinare l’intermediazione del diritto d’autore

Il ricorso alla decretazione d’urgenza per disciplinare l’intermediazione del diritto d’autore anche in favore di organismi di gestione collettiva diversi dalla SIAE era sorretto da adeguate ragioni di necessità e urgenza.