Sentenza USA sulle compilation musicali

La Corte d’Appello del Second Circuit U.S.A., nel caso WB Music v. RTV Communications Group, Case No 04-3890, 2006 U.S. App. LEXIS9889 (2d Cir. Apr. 19, 2006) (Walker, C.J.), ha stabilito che una compilation costituita da brani utilizzati tutti in violazione del copyright non può considerarsi opera unitaria, ai sensi del 17 U.S.C., §504 (c). Ciascuna parte della compilaton realizzata in violazione di un copyright può esser fonte di separata sanzione.
WB Music, un gruppo di editori musicali, aveva citato in giudizio RTV per aver realizzato e distribuito sette CD contenenti 13 canzoni che violavano altrettanti propri copyright.
WB Music aveva lamentato la violazione dell’art. §504 (c) del Copyright Act, ai sensi del quale il titolare dei diritti può domandare il risarcimento dei danni per ciascuna opera illecitamente utilizzata, a prescindere dal fatto che il responsabile sia unico o che ve ne siano più d’uno: il risarcimento può in tali ipotesi essere richiesto per ciascuna opera e, separatamente, ad ogni responsabile.
La norma stabilisce anche che ciascuna parte di una compilation o comunque di un’opera derivata costituisce un’opera a sé.
La corte distrettuale di primo grado aveva accertato la violazione da parte di RTV di tutti e 13 i diritti dell’attrice, ma aveva concesso il risarcimento per solo sette voci di danno. La Corte era giunta a questa decisione interpretando l’art. §504 (c) nel senso che preveda la possibilità di concedere un solo risarcimento per ciascun CD che contenga una o più canzoni illegittimamente riprodotte e messe in commercio.
La Corte di Appello del Second Circuit ha ribaltato la sentenza di primo grado, riportandosi alla sentenza emessa nel caso Twin Peaks Prods. v. PublicationsInt’l, Ltd., in cui la stessa Corte aveva deciso che se si accerta che il convenuto ha violato 13 copyrights dell’attore riproducendo 13 canzoni, l’attore ha diritto al risarcimento del danno per tutte e 13 gli oggetti di violazione. Nello stesso senso è pertanto stato deciso anche il caso WB Music v. RTV Communications Group, concedendo agli attori il risarcimento per tutte e 13 le voci di danno.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.