Home » News » Sentenze » Sentenza sul contrassegno del software

Sentenza sul contrassegno del software

Il Tribunale di Roma, 2° Sezione, con la sentenza n. 23224, ha respinto tutte le domande della Play Press Publishing Srl che aveva citato in giudizio la S.I.A.E. per la ripetizione delle somme versate per l’acquisto e l’apposizione del contrassegno antipirateria su supporti contenenti software abbinati ad alcune pubblicazioni edite dalla stessa Play Press.
Il Tribunale di Roma ha ritenuto la richiesta infondata. Secondo il giudice, le norme della legge 248/00 “riconoscono e potenziano la funzione certificativi dell’originalità del prodotto assolta dal contrassegno”.
Nel periodo compreso fra l’entrata in vigore della suddetta legge e l’efficacia delle disposizioni del DCPM n.338/01 riguardante le spese e gli oneri di contrassegnatura, restano efficaci “le previsioni precedenti, negoziali o imposte dalla S.I.A.E. nell’esercizio del suo potere di autorganizzazione”.
Fonte: S.I.A.E.

La redazione

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.
Sentenza Tar Lazio 1073 del 14 febbraio 2006 – Codacons – S.I.A.E.