Corte di Giustizia Europea: la durata della protezione dei fonogrammi si applica anche quando il bene non è mai stato protetto nello Stato membro in cui è chiesta la protezione

La Corte di Giustizia Europea, nella causa Sony Music Entertainment (Germany) GmbH contro Falcon Neue Medien Vertrieb GmbH, ha deciso a Sezioni Unite in merito alla interpretazione della direttiva 2006/116/CE, sulla durata della protezione del diritto d’autore e dei diritti connessi.
La Corte ha statuito quanto segue:
1. La durata di protezione prevista dalla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 12 dicembre 2006, 2006/116/CE, concernente la durata di protezione del diritto d’autore e di alcuni diritti connessi, si applica, in forza dell’art. 10, n. 2, di tale direttiva, anche quando il bene in questione non è mai stato protetto nello Stato membro in cui è chiesta la protezione.
2. L’art. 10, n. 2, della direttiva 2006/116 deve essere interpretato nel senso che le durate di protezione previste da tale direttiva si applicano in una situazione in cui l’opera o il soggetto in questione, alla data del 1° luglio 1995, era protetto, in quanto tale, almeno in uno Stato membro in applicazione delle disposizioni nazionali di quest’ultimo in materia di diritto d’autore o di diritti connessi e in tale Stato il titolare di siffatti diritti su tale opera o soggetto, cittadino di un paese terzo, beneficiava, a quella data, della protezione prevista da dette disposizioni nazionali.
Il caso verteva sul mancato riconoscimento da parte dei Tribunali tedeschi, della protezione su alcuni fonogrammi ove sono registrate alcune interpretazioni dell’artista Bob Dylan, di proprietà della Sony, e pubblicati in Germania dalla Falcon. I giudici di merito tedeschi avevano sostenuto che in base alla legge nazionale tali fonogrammi non godessero della tutela del diritto connesso del produttore di fonogrammi
Di qui il ricorso della Sony in Cassazione, la quale ha deciso di sospendere il procedimento e di sottoporre alla Corte alcune questioni riguardanti la corretta interpretazione dell’art. 10, n. 2, della direttiva 2006/116.
Il testo per esteso della sentenza è disponibile nella nostra Banca Dati Sentenze.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.