Come faccio a provare di essere io l’autore dell’opera e non qualcun’altro?

La prova della paternità viene generalmente richiesta nei casi di plagio dell’opera (per sapere cosa è il plagio, clicca qui). Premesso che il diritto d’autore sorge in capo all’autore al momento della creazione dell’opera d’ingegno, assume rilevanza la prova del momento temporale della creazione. Mettiamo caso che il sig. Rossi componga una canzone, registrandola con l’aiuto del computer o scrivendone …

Leggi di più »

La S.I.A.E. tutela le opere oggetto del diritto d’autore? E come?

L’attività svolta dalla S.I.A.E. a favore dei propri iscritti e associati è spesso travisata a causa del significato attribuito al sostantivo “tutela”. La S.I.A.E tutela i diritti di sfruttamento economico dell’opera degli autori che le abbiano affidato mandato. Significa molto semplicemente che SIAE concede licenze e autorizzazioni per l’utilizzazione delle opere tutelate, riscuote i relativi compensi e li ripartisce agli …

Leggi di più »

Quali le sanzioni?

Si applica l’art. 171-ter qualora la riproduzione avvenga per uso non personale. Chi distribuisce più di cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d’autore e da diritti connessi, rischia una pena da 1 a 4 anni di reclusione e la multa da 2.582 a 15.493 euro.

Leggi di più »

Perché devo pagare se poi non posso copiare perché il supporto originale ha protezioni anticopia?

La legge stabilisce all’art. 71-sexies, comma 4, che: Fatto salvo quanto disposto dal comma 3, i titolari dei diritti sono tenuti a consentire che, nonostante l’applicazione delle misure tecnologiche di cui all’art. 102-quater, la persona fisica che abbia acquisito il possesso legittimo di esemplari dell’opera o del materiale protetto, ovvero vi abbia avuto accesso legittimo, possa effettuare una copia privata, …

Leggi di più »

Perché devo pagare se utilizzo i supporti digitali per il backup o per i miei file personali?

Nel calcolo della misura del compenso per i supporti digitali non dedicati (ovvero i supporti sui quali è possibile registrare dati, oltre che fonogrammi e videogrammi), si è tenuto conto dell’uso diverso che si fa di tali supporti. Il calcolo è stato fatto in questo modo: presa la media europea del compenso per i supporti digitali dedicati (0,29 euro), è stata divisa …

Leggi di più »

Ci potevano essere altre alternative?

Certo. Vediamone alcune: 1) Proibire e impedire la copia privata tramite protezioni anticopia. Non avere la possibilità di effettuare la copia privata significa acquistare di volta in volta lo stesso prodotto, senza possibilità di duplicarlo. Attualmente in Inghilterra e in Irlanda la copia privata non è possibile. 2) Un sistema di “compulsory licenses”, in virtù delle quali le aziende IT …

Leggi di più »

A chi è distribuito (ovvero: a chi vanno i soldi)?

La ripartizione del compenso è stabilita dall’art. 71-septies l.d.a. 1) Il compenso relativo a supporti ed apparecchi di registrazione audio: – 50% agli autori e loro aventi causa – 25% ai produttori di fonogrammi – 25% agli artisti interpreti o esecutori 2) Il compenso relativo a supporti ed apparecchi di registrazione video: – 30% agli autori – 70% in tre parti uguali ai …

Leggi di più »

Quando posso effettuare le copie?

Quando sono in legittimo possesso dell’originale. Infatti, secondo l’art. 71-sexies della legge sul diritto di autore: 1. E’ consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all’art. 102-quater. 2. …

Leggi di più »

A chi e a cosa si applica e come è versato?

Il compenso è costituito da una quota sul prezzo al rivenditore o da un importo fisso per apparecchio per gli apparecchi idonei alla registrazione analogica o digitale di fonogrammi o videogrammi. Per i supporti di registrazione audio e video, quali supporti analogici, supporti digitali, memorie fisse o trasferibili destinate alla registrazione di fonogrammi o videogrammi, il compenso è costituito da …

Leggi di più »

C’entra qualcosa con la pirateria?

Assolutamente no. Riportiamo integralmente un passaggio di un articolo di Paolo Spada, ordinario di Diritto Commerciale nell’Università La Sapienza di Roma, che spiega la differenza tra copia privata e pirateria in un articolo intitolato “Copia privata ed opere sotto chiave” e pubblicato nel n. 6/2002 de “La rivista di diritto industriale” (Giuffrè). L’autore dice: “E’ vero che copia privata e …

Leggi di più »

È una tassa?

R. Assolutamente no. Il vocabolo infatti sta a indicare un “tributo pagato allo stato o a un ente pubblico dai privati cittadini per usufruire di particolari servizi” (definizione tratta dal dizionario Devoto Oli) e ciò evidentemente non è il caso in questione. Chi utilizza questo termine lo fa impropriamente. Si tratta di un equo compenso a favore dei titolari dei …

Leggi di più »

Quando è stato introdotto in Italia?

Il sistema di compensazione è stato introdotto dalla legge 5 febbraio 1992, n. 93, e modificato dal D. Lgs. 9 aprile 2003, n. 68. Il compenso per la “copia privata” esiste dunque in Italia da oltre undici anni. Poiché la direttiva 2001/29/CE prevede che i titolari di diritti siano adeguatamente indennizzati del pregiudizio subito per la copia privata, considerato che …

Leggi di più »

Perché l’equo compenso?

Il diritto di riproduzione dell’opera dell’ingegno è un diritto esclusivo stabilito all’art. 13 della legge 22 aprile 1941, n. 633 (legge sul diritto d’autore) che compete agli autori, o ai loro aventi diritto (cessionari, eredi, ecc.). Tale diritto consiste nell’impedire (ius excludendi) a qualunque terzo la riproduzione dell’opera protetta, e permane anche dopo l’acquisto dell’utente di un esemplare dell’opera. Vi …

Leggi di più »

FIM 2018 sbarca a Milano

Fim edizione 2018 Milano

La sesta edizione del FIM si terrà da giovedì 31 maggio a domenica 3 giugno 2018 presso la suggestiva Piazza Città di Lombardia, la piazza coperta più grande d'Europa, situata al centro del nuovo palazzo della Regione Lombardia a Milano. Organizzato da Maia in collaborazione con BigBox, L'Alveare, il Conservatorio di Milano e altre importanti realtà che verranno coinvolte nel progetto FIM nel corso delle prossime settimane, il FIM fa tesoro dei consensi e dei risultati ottenuti dalle precedenti edizioni (l'ultima delle quali tenutasi lo scorso mese di maggio presso i padiglioni della Fiera di Erba) e apre le porte a studenti, insegnanti, professionisti e appassionati di musica, che potranno ora entrare al FIM gratuitamente.

Leggi di più »