In Brasile si sperimenta il P2P legale

Grazie a Gilberto Gil, musicista e ministro della Cultura brasiliano, il governo ha varato un progetto che prevede la non punibilità dello scaricamento di musica da Internet, compatibilmente con il riconoscimento di un compenso per gli autori.
Il sistema consentirebbe di prelevare legalmente dalla Rete opere coperte dal diritto d’autore. Di contro, gli autori, legittimi proprietari, potranno godere del frutto del loro lavoro artistico attraverso il pagamento di un compenso da parte degli utenti prelevato dal prezzo degli accessi ad Internet e dei lettori di file mp3. In parole povere, per ogni brano, l`artista percepirebbe un compenso moltiplicato il numero di volte che lo stesso file è stato scaricato.
L’industria del disco brasiliana pare non essersi ancora espressa.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.