Download illegale, Gdf denuncia 49 persone per “file-sharing”

La Guardia di Finanza di Milano ha denunciato 49 persone che si scambiavano in rete file coperti da copyright per violazione della legge sul diritto d’autore e ha segnalato 12 italiani e 71 cittadini stranieri all’Interpool per detenzioni e divulgazione attraverso Internet di materiale pedopornografico.
Lo si legge in un comunicato diffuso dal Nucleo Regionale PT Lombardia.
Nell’operazione denominata “Wild Sharer”, in italiano “Condivisore Selvaggio”, “le investigazioni, iniziate a gennaio di quest’anno e coordinate dalla dottor Gianluca Braghò, sostituto procuratore della Repubblica di Milano, hanno riguardato sia alcuni network […] attraverso cui i pirati informatici si avvalevano di Internet come mezzo di scambio e distribuzione dei prodotti informatici, sia alcuni cyber-utenti che ponevano direttamente in condivisione online ingenti quantità di file musicali”, recita la nota.
A seguito delle 56 perquisizioni in nove regioni, i finanzieri hanno sequestrato oltre 200 milioni di file tra mp3 con canzoni di autori italiani e stranieri, programmi e film.
La Gdf ha anche chiuso due siti e tre emittenti radiofoniche web “responsabili della trasmissione illegale in forma digitale di palinsesti su rete telematica”.
Fonte: Reuters

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.