UE: approvate norme armonizzate sulla legge applicabile alla responsabilità civile (regolamento “Roma II”)

Dopo quattro anni di negoziati, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno approvato nei giorni scorsi un testo di regolamento che armonizza le norme relative alla legge applicabile alle obbligazioni extracontrattuali (“Roma II”).
L’obiettivo è quello di far applicare ai tribunali di tutti gli Stati membri la stessa legge in caso di controversie transfrontaliere sulla responsabilità civile, per agevolare il riconoscimento reciproco delle decisioni giudiziarie nell’Unione europea. Le nuove norme creano un giusto equilibrio tra gli interessi delle parti del litigio e permettono di designare la legge che presenta i collegamenti più stretti con la situazione.
“Sono contento che i colegislatori abbiano finalmente trovato un’intesa su questo testo che, considerato l’argomento, riguarda tutti i cittadini e tutte le imprese dell’Unione”, dichiara il vicepresidente Franco Frattini, commissario europeo responsabile del portafoglio “Giustizia, libertà e sicurezza”, che prosegue: “questo testo è fondamentale sia per la realizzazione dello spazio europeo di giustizia che per il corretto funzionamento del mercato interno. E’ inaccettabile infatti che, per il risarcimento dei danni causati a persone e a cose, la risoluzione della controversia vari notevolmente in funzione del tribunale competente”.
L’iniziativa riguarda più in particolare le questioni relative alla responsabilità civile per danni causati a terzi, soprattutto in caso di incidente (per esempio, incidenti stradali, danni da prodotti difettosi o inquinamento ambientale). Con l’aumento degli scambi e degli spostamenti all’interno dell’Unione le controversie di questo tipo sono infatti destinate a moltiplicarsi. Attualmente gli Stati membri non dispongono di norme comuni per determinare la legge applicabile in materia extracontrattuale e quindi ogni tribunale applica le norme nazionali. Le soluzioni giuridiche rischiano pertanto di variare enormemente da uno Stato all’altro e le parti potrebbero essere tentate di scegliere il tribunale che applicherà la legge per loro più conveniente, pratica conosciuta come “forum shopping”.
Le norme del regolamento Roma II intendono stabilire un equilibrio ragionevole tra gli interessi del responsabile presunto del danno e la vittima. Riprendendo la soluzione scelta nella maggior parte degli Stati membri, il regolamento stabilisce come norma generale l’applicazione della legge del luogo in cui si verifica il danno (per esempio, la legge del luogo in cui è avvenuto l’incidente stradale), tranne se le due parti risiedono abitualmente in un altro paese, caso in cui si applica la legge di quest’ultimo. Sono previste poi alcune norme specifiche per tipologie particolari di reati.
Il Regolamento “Roma II” è importante anche per la proprietà intellettuale in quanto armonizza la disciplina su concorrenza sleale (art. 6) e violazione dei diritti di Proprietà Intellettuale (art.8).
Per quanto riguarda la questione molto controversa della violazione del diritto alla privacy da parte degli organi di informazione, i colegislatori hanno deciso di escluderla dal campo di applicazione del regolamento, non senza invitare la Commissione a presentare uno studio particolareggiato su questa problematica entro la fine del 2008.
Maggiori informazioni qui

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.