Norme

Indicam: lo “Sblocca italia” spalanca le porte alla contraffazione nel design

Secondo Federlegno e Indicam (Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione) il pacchetto “Sblocca Italia” messo a punto dal Governo introduce un provvedimento che – se approvato – spalancherebbe le porte alla copia libera delle opere di design e avrebbe effetti pesantissimi sul settore arredo-design. L’articolo 37, infatti, consentirebbe la sola tutela dei disegni registrati, ma non riconoscerebbe il …

Leggi di più »

Il Decreto Cultura è legge

L’approvazione definitiva da parte del Senato del decreto proposto dal Ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini, introduce novità significative per il settore, a cominciare dall’ArtBonus, che prevede la deducibilità del 65% delle donazioni devolute per il restauro di beni culturali pubblici, le biblioteche e gli archivi, gli investimenti dei teatri pubblici e delle fondazioni lirico sinfoniche, fino …

Leggi di più »

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo del decreto che ridetermina i compensi per copia privata

E’ stato pubblicato in G.U. n.155 del 7 luglio 2014 il Decreto del 20 giugno 2014 del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, intitolato “Determinazione del compenso per la riproduzione privata di fonogrammi e di videogrammi ai sensi dell’art. 71-septies della legge 22 aprile 1941, n. 633“. Il testo è disponibile nella nostra banca dati Leggi. Di …

Leggi di più »

Il Ministro Franceschini firma il decreto che ridetermina l’equo compenso per la copia privata

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, dopo un’approfondita istruttoria e un confronto che ha visto coinvolte tutte le categorie interessate, ha firmato il decreto ministeriale che aggiorna per il prossimo triennio il compenso per la riproduzione privata di fonogrammi e di videogrammi previsto dalla legge sul diritto d’autore. Il Ministro Franceschini e il …

Leggi di più »

DL Cultura: libere le foto nei musei

Il nuovo DL Cultura prevede che sono libere, al fine dell’esecuzione dei dovuti controlli, le seguenti attività, purché attuate senza scopo di lucro, neanche indiretto, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale: 1) la riproduzione di beni culturali attuata con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il …

Leggi di più »

Approvato un decreto legge che prevede crediti d’imposta per chi investe in cultura

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha approvato, nella riunione del 22 maggio, un decreto legge per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. Il testo del provvedimento prevede, fra l’altro, un credito …

Leggi di più »

Siae e MiBact firmano il protocollo d'intesa a sostegno della lettura negli spazi pubblici

Il direttore generale delle Siae Gaetano Blandini e il direttore generale delle Biblioteche, gli Istituti culturali ed il Diritto d’autore del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Rossana Rummo hanno sottoscritto oggi un protocollo d’intesa in materia di “recitazione di opere letterarie effettuata, senza scopo di lucro, all’interno di musei, archivi e biblioteche pubblici ai fini …

Leggi di più »

Siae e MiBact firmano il protocollo d’intesa a sostegno della lettura negli spazi pubblici

Il direttore generale delle Siae Gaetano Blandini e il direttore generale delle Biblioteche, gli Istituti culturali ed il Diritto d’autore del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Rossana Rummo hanno sottoscritto oggi un protocollo d’intesa in materia di “recitazione di opere letterarie effettuata, senza scopo di lucro, all’interno di musei, archivi e biblioteche pubblici ai fini …

Leggi di più »

Corte di Giustizia Europea: la copia privata è legale solo se la fonte è legale

La Quarta sezione della Corte di Giustizia Europea con sentenza del 10 aprile scorso, ha statuito che il diritto dell’Unione, in particolare l’articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2001/29/CE, in combinato disposto con il paragrafo 5 di tale articolo, dev’essere interpretato nel senso che osta a una normativa nazionale che non fa distinzione tra la situazione in cui …

Leggi di più »