Nuova proposta di legge sul copyright in discussione al Congresso

Una nuova proposta di modifica legislativa, chiamata Digital Media Consumers’ Rights Act, è in discussione al Congresso americano. Sembra che la proposta, sponsorizzata dal senatore Rick Boucher, non sia be accolta dalle major di Hollywood, discografia e altri titolari di diritti d’autore americani.
Infatti le case discografiche sarebbero costrette ad aggiungere sui CD un’etichetta che avverte il consumatore che il contenuto non è adeguato agli standard audio, perché intenzionalmente si impedisce l’utilizzo per mezzo dei lettori CD dei computer.
La proposta contiene anche altre proposte di minor conto a tutela del consumatore, la più significativa riguarda un emendamento al DMCA che prevede che non sia considerata violazione la produzione, la distribuzione o l’utilizzo non illecito di prodotti hardware e software capaci di permettere l’utilizzo di un’opera tutelata che non violi le regole.
Ciò vorrebbe dire che l’utilizzo di un tool (come il DeCSS) che permetta l’aggiramento di misure di sicurezza per un utilizzo lecito (come la copia privata) non possa essere considerato un atto soggetto a sanzione.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

Controlla anche

Il traduttore sparisce dall’elenco degli autori dell’opera cinematografica

Nell'articolo 44 della legge 22 aprile 1941 numero 633 (l.d.a.), che disciplina i diritti degli autori dell'opera cinematografica, nell'elenco degli autori è stato prima inserito anche il traduttore, e poi lo stesso, pochi mesi dopo, è stato eliminato.