La Cina si impegna per incrementare la protezione della PI

Le autorità cinesi si impegneranno per rafforzare l’applicazione delle norme relative alla proprietà intellettuale, come riportato da un alto funzionario del governo cinese.
Ma Lianyuan, vice direttore dell’Ufficio di Stato per la Proprietà Intellettuale, lo ha dichiarato nel corso di incontro pubblico svoltosi a Pechino in occasione della Giornata Mondiale della Proprietà Intellettuale.
Lianyuan ha dichiarato che comunque il sistema della proprietà intellettuale sviluppato in Cina, rispetta fondamentalmente gli standard richiesti dagli accordi TRIPS (Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights).
Si tratta adesso di spostare l’attenzione dalla elaborazione dell’impianto normativo alla applicazione dello stesso, realizzando anche un’opera di supervisione e di comunicazione verso i cittadini, come testimoniato dal materiale informativo distribuito allo scopo di far comprendere la necessità della protezione della Proprietà Intellettuale.
L’Ufficio lancerà anche nel corso dell’anno una operazione su larga scala allo scopo di controllare le aziende del Paese relativamente alla protezione brevettuale e comunicare loro le possibilità offerte dai brevetti.

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.