Equo compenso: deputato UE propone l’applicazione al cloud

Presentata al Parlamento Europeo una proposta per applicare l’equo compenso ai locker digitali che consentono agli utenti di archiviare la propria musica su cloud, possibilità offerta da servizi di Apple, Amazon e molti altri: secondo la deputata francese Françoise Castex, promotrice dell’idea, “le copie private di opere protette realizzate usando la tecnologia del cloud computing possono avere lo stesso scopo di quelle prodotte impiegando strumenti e materiali di registrazione tradizionali o digitali”.
La proposta, che si pone su una linea a lungo sostenuta da diversi attori della filiera musicale, ha incontrato il favore della GESAC (che raggruppa le società europee di autori e compositori).
Fonte: Musica & Dischi

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.

Controlla anche

Il traduttore sparisce dall’elenco degli autori dell’opera cinematografica

Nell'articolo 44 della legge 22 aprile 1941 numero 633 (l.d.a.), che disciplina i diritti degli autori dell'opera cinematografica, nell'elenco degli autori è stato prima inserito anche il traduttore, e poi lo stesso, pochi mesi dopo, è stato eliminato.