YouTube testa un sistema di identificazione video a tutela del copyight

YouTube si prepara a sperimentare una nuova tecnologia di identificazione video in collaborazione con due delle più importanti media company del mondo, Time Warner e Disney.
La tecnologia, sviluppata dagli esperti di YouTube, il sito web di video numero uno al mondo, oggi proprietà di Google, aiuterà i proprietari di contenuti – come film e programmi tv – a identificare i video caricati online senza il loro permesso, hanno detto i rappresentanti di YouTube in un’intervista con Reuters realizzata ieri.
I cosiddetti “video fingerprinting tools” (strumenti d’impronta digitale per i video), che identificano alcune caratteristiche uniche dei video clip, saranno disponibili per un primo test entro un mese circa, ha detto un dirigente di YouTube.
Tali strumenti saranno impiegati per identificare il materiale coperto dal diritto d’autore. Dopodiché, saranno le società a decidere se rimuovere i video oppure se lasciarli sul sito, nell’ambito di un accordo sulla ripartizione dei proventi con YouTube, che potrà vendere inserzioni da collocare accanto ai video in questione.
Verificato che il sistema funzioni, la tecnologia potrebbe essere usata per bloccare il caricamento di materiale protetto dal copyright, ha detto un product manager di YouTube. L’obiettivo del sito è quello di rendere disponibili gli strumenti a tutti i titolari di diritti d’autore entro la fine dell’anno.
YouTube è corsa ai ripari dopo che numerose società l’hanno accusato di non fare abbastanza per rendere identificabile il materiale protetto da copyright e usato senza permesso. Nove mesi fa, il sito aveva già annunciato che avrebbe messo a disposizione i nuovi tools entro fine 2006, ma il compito è risultato poi complesso dal punto di vista della tecnologia.
Fonte: Reuters

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.