WIPO: necessario incrementare l’enforcement della proprietà intellettuale

La necessità di “alzare la guardia” contro l’impatto negativo della contraffazione e della pirateria, di rafforzare i sistemi normativi e di inasprire il trattamento sanzionatorio (c.d. enforcement) sono stati gli argomenti trattati nel meeting WIPO (World Intellectual Property Organization) tenutosi a Ginevra, dal 15 al 17 maggio 2006.
Alla presenza dei rappresentanti di tutti gli Stati aderenti, il Direttore Generale di WIPO, Kamil Idris, ha affermato: “il Comitato ha mobilitato con successo l’attenzione generale sull’importanza dell’enforcement. Non si possono sottovalutare gli effetti negativi della contraffazione e della pirateria, non soltanto in termini economici, ma anche per le minacce alla salute e alla sicurezza”.
ACE è stata fondata dagli Stati membri WIPO nel 2002 come forum di discussione sull’enforcement, allo scopo di coordinare le varie organizzazioni e il settore privato nella lotta alla contraffazione e alla pirateria, nelle politiche di educazione pubblica e di assistenza; così come per quanto riguarda i programmi nazionali e regionali e lo scambio di informazioni nel forum elettronico.
I rappresentanti degli Stati e del settore privato hanno esposto i loro resoconti circa le esperienze nei vari Stati nel campo dell’enforcement, il che ha fornito importanti dati circa i problemi e le possibili soluzioni nei differenti Paesi. E’ stata sottolineata l’importanza delle politiche di enforcement e la necessità di una più stretta collaborazione internazionale. Le relazioni hanno avuto ad oggetto, tra l’altro, la dimensioni del fenomeno della contraffazione e della pirateria nei diversi Stati, l’opportunità di un approccio olistico alle politiche di enforcement, i problemi connessi alla sicurezza e alla salute in tutti i Paesi, l’importanza di formare gli insegnanti, l’estensione di programmi pubblici a lungo termine e del coinvolgimento delle società di gestione collettiva dei diritti nella lotta contro la pirateria, il bisogno di aumentare la fiducia degli investitori nella funzionalità della legge, la necessità di rafforzare le singole istituzioni statali prima di fornire assistenza ad un Paese.
Il Comitato ha messo in risalto l’attività ad ampio raggio intrapresa da WIPO: missioni di esperti, formazione e visite di studio, seminari e gruppi di discussione ed altre attività tutte finalizzate alla promozione della consapevolezza circa l’importanza dell’enforcement dei diritti di proprietà intellettuale, incluse sessioni di formazione per i membri degli apparati giudiziari.
Alcune delegazioni hanno fatto il punto della situazione circa lo sviluppo delle attività di cooperazione nei loro Paesi, nei quali hanno svolto un ruolo chiave circa l’enforcement dei diritti di proprietà intellettuale.
Il Comitato ha concluso affermando che la prossima sessione ACE dovrà prendere in considerazione un cambio di vedute nel coordinamento e nella cooperazione a livello internazionale, nazionale e regionale per le politiche di enforcement.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.