USA: senza DMCA i nuovi modelli di mercato digitale non sarebbero potuti nascere

“Il Digital Millennium Copyright Act ha fatto sì che i nuovi modelli di mercato digitale potessero porre maggiore fiducia nelle misure tecnologiche di protezione”, ha sostenuto Solveig Singleton durante il convegno “Il dibattito DMCA: verso una critica costruttiva”, svoltosi a metà maggio presso la sede della Fondazione Progress & Freedom, di cui Singleton è Socio Senior.
Le critiche mosse al DMCA sarebbero di importanza marginale: Singleton sfida i critici a trovare serie soluzioni alternative.
In una precedente e diversa occasione Singleton aveva già spiegato che il DMCA ha permesso di risolvere problemi fondamentali per tutti i modelli di mercato. Per attrarre gli investitori, occorrerebbe combattere i free riders ponendo loro barriere fisiche o legali. Singleton ritiene che le misure legali siano inadeguate nell’ambiente digitale, perché il sistema giudiziario è troppo lento e costoso per risolvere le controversie, soprattutto quelle di modesto valore economico. Dunque le misure tecniche come il DRM, sostenuto dal DMCA, sarebbero fondamentali per la crescita del mercato, in quanto il DRM offrirebbe maggiori garanzie ai titolari dei diritti. Singleton sottolinea però anche la necessarietà delle libere utilizzazioni e spiega che sarà la stessa domanda dei consumatori a fornire indicazioni circa quelle che dovranno essere le linee di sviluppo del DRM.
Singleton confuta la tesi per cui il DMCA ostacolerebbe l’interoperabilità e la competitività , anche alla luce del fatto che il DMCA contiene comunque numerose eccezioni specifiche (tra cui quelle sulla decompilazione del software – c.d. riverse engineering -). Il vero ostacolo all’interoperatività e allo sviluppo di DRM aperti, secondo Singleton, sarebbe invece la lentezza, a monte, nella realizzazione concreta dei sistemi interoperativi.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.