USA: il dibattito sul copyright rimandato “sine die”

Un gruppo di esperti che si stava occupando di uno degli aspetti più controversi della Copyright Law statunitense ha posposto a data da definirsi il meeeting in cui si sarebbe dovuto dibattere un nuovo metodo per la determinazione delle royalty da versare ai titolari dei diritti da parte degli utilizzatori via etere o via web.
Il progetto di legge in discussione ha come obiettivo la modifica sostanziale dell’attuale sistema, nel quale il governo federale ha stabilito in modo cogente le percentuali per i broadcaster e i webcaster.
Anche se secondo alcuni tali percentuali risultano basse, l’applicazione delle disposizioni ha già causato l’abbandono dell’attività da parte di un discreto numero di operatori.
Secondo quanto riportato da news.com, l’attuale sistema basato sui Copyright Arbitration Royalty Panels sembra destinato a essere sostituito da un giudice unico che stabilisca di volta in volta l’esatto ammontare dei tassi da applicare.

La redazione (RB)

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.