UK: record di collecting nel 2012 per la società di gestione collettiva dei diritti d’autore PRS for Music

PRS for Music ha registrato un record di 641,8 milioni di sterline per compensi per autori, compositori ed editori musicali per l’anno fiscale 2012, con un incremento del 1,7% sul 2011.
Il mercato on line è cresciuto, in particolare con i servizi di streaming, raccogliendo 51,7 milioni di sterline. Questa è la cifra più alta mai raggiunta fino ad oggi, con una crescita del 32,2% rispetto al 2011.
La società raccoglie i compensi per oltre 95.000 soci e licenzia a oltre 350.000 imprese del Regno Unito, tra cui 300 stazioni radio e 450 canali televisivi. I canoni provenienti dalle emittenti nel 2012 sono aumentati del 3,1% per un totale di 153 milioni, pari al 24% del reddito complessivo per i creatori di musica.
I ricavi internazionali hanno subito un calo del 4,1% a causa di notevoli perdite a causa del cambio, in particolare con l’Euro.
Il CEO Robert Ashcroft ha commentato: “Il copyright rimane fondamentale per il continuo successo dei nostri soci, sia in patria che all’estero, mentre la sempre maggiore importanza dei servizi online autorizzati come iTunes e Spotify sottolinea il valore della musica per l’economia di Internet”.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.