UE: si esamina la Proposta per una Direttiva sulle misure penali volte ad assicurare il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale

Il Comitato Legale del Parlamento Europeo, riunitosi il 29 gennaio 2007, ha esaminato il Rapporto Zingaretti sulla bozza di Direttiva sulle misure penali tese ad assicurare il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale (DPI). Il Rapporto, tutto sommato, accoglie di buon grado la proposta, ma, al tempo stesso, propone emendamenti al fine di escludere le misure penali sui brevetti. Tale aspetto, infatti, è ritenuto già ben regolato a livello nazionale e si ritiene che non si debba intraprendere alcuna azione prima dell’adozione della legislazione comunitaria sull’argomento.
La proposta ha l’obiettivo di rafforzare e migliorare la lotta contro la contraffazione e la pirateria, coordinandosi con la Direttiva 2004/48/EC sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale. In aggiunta alle esistenti misure civili e amministrative, l’armonizzazione delle misure penali costituirebbe uno strumento per far valere i diritti in quei casi in cui differenze fra i sistemi nazionali rendono difficile combattere con efficacia la contraffazione e la pirateria.
Il Parlamento Europeo in seduta plenaria voterà la proposta, in prima lettura, durante la sessione di Marzo 2007.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.