UE: la Commissione pubblica uno studio sulla crescita del mercato dei contenuti online nei prossimi anni

La Commissione Europea ha pubblicato uno studio intitolato “Interactive Content and Convergence: Implications for the Information Society” che prevede entrate derivanti da utilizzazioni di contenuti online pe 8,3 miliardi di euro entro il 2010, con una crescita di oltre il 400% in cinque anni.
Lo studio mostra che la distribuzione di contenuti online, in particolare musica e videogiochi, sta diventando un mercato di massa, grazie alla diffusione della banda larga per l’accesso a Internet, allo sviluppo delle rete mobili e alla crescente popolarità dei dispositivi digitali.
In ogni caso rimangono alcuni ostacoli da rimuovere, come il fatto che gli strumenti per la connessione non sono posseduti da tutti, il problema della pirateria e la mancanza di certezza legale per i fornitori di contenuti e per i consumatori.
A tal fine la Commissione ha in programma di adottare una proposta intitolata “Content Online in Europe’s Single Market” dove saranno affrontati due temi importanti quali la interoperabilità dei sistemi DRM e la chiarificazione della regolamentazione sui diritti di proprietà intellettuale.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.