UE: conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo di primavera su ricerca e sviluppo

Il Consiglio europeo tenutosi a Bruxelles il 23 e 24 marzo ha pubblicato le conclusioni della Presidenza, che riguardano, tra l’altro, importanti questioni relative al futuro delle politiche di ricerca, sviluppo ed innovazione in Europa.
In primo luogo, è stato riaffermato l’obiettivo di Barcellona di innalzare al 3% del Pil l’investimento nella ricerca entro il 2010, prendendo in considerazione la situazione attuale nei diversi Stati Membri.
In secondo luogo, vengono menzionati la necessità di una rapida adozione del Settimo Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo e la veloce istituzione del Consiglio europeo per la Ricerca. E’ inoltre prevista la creazione da parte della Banca Europea per gli Investimenti di opportunità di finanziamento a rischio contenuto dirette a sostenere l’innovazione e la ricerca.
Quarto, la definizione dell’Istituto Europeo per la Tecnologia (IET) come un importante passo nella riduzione del divario tra educazione superiore, ricerca ed innovazione. La Commissione viene quindi invitata a presentare una proposta sulle azioni future per la creazione dell’IET entro giugno del 2006.
Infine, si è rimarcata l’importanza del potenziale dei diritti di Proprietà Intellettuale delle PMI e del miglioramento del quadro normativo di riferimento a livello europeo ed internazionale.
http://ue.eu.int/ueDocs/cms_Data/docs/pressData/en/ec/89013.pdf

La redazione

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.