Home » News » Mondo » Svizzera: il Consiglio federale intende modernizzare il diritto d’autore

Svizzera: il Consiglio federale intende modernizzare il diritto d’autore

Il Consiglio federale svizzero vuole modernizzare il diritto d’autore e adeguare alla realtà di Internet i diritti e i doveri di chi opera in ambito culturale, dei consumatori e dei provider tramite misure mirate. Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) elaborerà entro la fine del 2015 un avamprogetto destinato alla consultazione, fondandosi sulle raccomandazioni formulate dal gruppo di lavoro sul diritto d’autore (AGUR12) e tenendo conto delle conclusioni tratte da un gruppo di lavoro che attualmente sta esaminando in generale la responsabilità civile dei provider.

La revisione del diritto d’autore si propone di migliorare la situazione di chi opera in ambito culturale senza peggiorare la posizione dei consumatori. In particolare, lo scaricamento a fini privati di opere protette continuerà a essere ammesso, mentre il caricamento in vista dell’ulteriore diffusione sarà illegale. In occasione della revisione sarà prestata particolare attenzione alla protezione dei dati e alle garanzie dei rimedi giuridici.

Doveri dei provider
Secondo le raccomandazioni del gruppo di lavoro AGUR12, i provider Internet devono provvedere a tenere lontani ed eliminare dalle loro piattaforme contenuti illegali. Esse prevedono anche che, su indicazione delle autorità, i provider siano tenuti, in casi gravi, a bloccare l’accesso a contenuti o fonti manifestamente illegali. Secondo il gruppo AGUR12, questi nuovi obblighi nella lotta alla pirateria informatica sarebbero compensati da una liberazione dalla responsabilità per i provider.

Avvertimento ai consumatori
Chi viola gravemente il divieto di caricamento, per esempio in reti peer-to-peer, può già oggi essere chiamato a rispondere legalmente. Il gruppo AGUR12 raccomanda di rendere attenti i consumatori colpevoli della violazione in merito alle possibili conseguenze delle loro azioni. Tale avvertimento permette all’utente di modificare il suo comportamento. Secondo il gruppo AGUR12, se la violazione grave continua, l’identità del consumatore andrà comunicata al titolare del diritto, affinché possa far valere le sue pretese in sede civile.

In linea di massima il Consiglio federale intende portare avanti tale approccio, ma solo dopo averlo esaminato a fondo, chiarendo in particolare che cosa s’intende per violazioni “gravi”, in quale forma rivolgere gli avvertimenti e come impostare la procedura per comunicare l’identità.

Infine si esaminerà anche se limitare il compenso riscosso sui supporti vergini agli utilizzi che non sono coperti dal contratto con una piattaforma legale, in modo da evitare doppi indennizzi. Conformemente alle raccomandazioni del gruppo AGUR12, il Consiglio federale intende invece per il momento rinunciare a un’indennità forfettaria che copra tutti gli utilizzi in Internet, in quanto violerebbe in particolare alcuni accordi internazionali.

Il rapporto AGUR12 costituisce una base preziosa
Per i suoi lavori il DFGP si fonda sulle raccomandazioni del gruppo di lavoro AGUR12, istituito dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga. Il rapporto finale AGUR12, presentato alla fine del 2013, costituisce una base preziosa per il seguito dei lavori, anche se non l’unica: il Consiglio federale intende sintonizzare, sul piano materiale e temporale, le sue decisioni concrete riguardo a misure per i provider anche con i lavori di un gruppo di lavoro interdipartimentale. Questo gruppo di lavoro, diretto dal DFGP, sta attualmente esaminando in generale la questione della responsabilità civile dei gestori di piattaforme e dei provider. Il 9 ottobre 2013 il Consiglio federale aveva incaricato il DFGP, in adempimento del postulato Amherd (11.3912), di elaborare all’occorrenza un avamprogetto su tali questioni entro la fine del 2015.

Per maggiori informazioni:

http://www.ejpd.admin.ch/content/ejpd/it/home/dokumentation/mi/2014/2014-06-061.html

About Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.