Svizzera, compenso per copia privata sugli apparecchi di registrazione

Respingendo alcuni ricorsi, il Tribunale federale ha infatti dato via libera all’introduzione di una compenso per copia privata per i lettori di musica mp3 e i videoregistratori.
Nel gennaio 2006 la Commissione arbitrale federale per la gestione dei diritti d’autore aveva approvato il compenso, che si applicherà agli apparecchi digitali di registrazione, come l’iPod o un DVD-R. I commissari avevano escluso dal procedimento le quattro associazioni dei consumatori svizzere, perché a loro avviso esse non avevano sufficientemente dimostrato di rappresentare gli interessi dei loro assistiti in questo settore. Una posizione confermata nella sentenza pubblicata mercoledì scorso dal Tribunale federale (TF).
Suisseculture, l’organizzazione federativa degli artisti svizzeri, ha commentato positivamente, dichiarando che i giudici hanno finalmente fatto chiarezza sul tema e riconosciuto il diritto agli autori e agli artisti di essere remunerati per le loro opere musicali e video indipendentemente dalla tecnica utilizzata per conservarle.
Secondo l’associazione, che rappresenta circa 60.000 operatori culturali elvetici, è quindi corretto che si paghi un diritto d’autore non solo su supporti vergini asportabili, come i CD o i DVD, bensì anche su apparecchi specificatamente pensati per registrare canzoni o film.
Il Tribunale federale ha respinto anche un ricorso dell’Associazione economica svizzera della tecnica di informazione, di comunicazione e di gestione (SWICO), che contestava quella che considerava una “tassa indiscriminata” su tutti gli apparecchi.
Il TF ha risposto che il compenso si applicherà ai soli strumenti destinati alla registrazione di opere tutelate dal diritto d’autore. Il compenso non si applica per esempio sugli hard disk, perché non sono prioritariamente utilizzati per registrare musica.
Il versamento del compenso sarà obbligatorio a partire dal 1 settembre.

Su Giovanni d'Ammassa

Avvocato con studio in Milano dal 1997, coltiva sin dall'Università lo studio e l’insegnamento del diritto d’autore. Fonda Diritttodautore.it nel 1999. Appassionato chitarrista e runner.